Vai al contenuto

Ode a Nicola di Bari pseudonimo di Michele Scommegna canzoni vita e curiosità di uno dei cantanti italiani più noti all’estero in particolare America Latina

Medley dei successi di Nicola Di Bari cantanti comicamente a cappella da Grullo Grulli – Mix di queste canzoni: Giramondo, Una ragazzina come te, Sai che bevo sai che fumo, I giorni dell’arcobaleno,  Il cuore e’ uno zingaro, La prima cosa bella, Paese, Vagabondo, Chitarra suona più piano,

Giramondo

Un giramondo come me Che cambia strada appena può Deve trovare nella vita La donna fatta come lui Se girando il mondo troverò Una che pensa come me Avrò trovato la mia strada Il resto poi verrà da sé……….

Una ragazzina come te

E’ passato il tempo dell’amore Come un sogno che non tornerà Eri troppo bella, troppo giovane per me Cosa mi rimane senza te Non potrò mai più dimenticare Quella sera quando, ti incontrai Eri così piccola, così insolita per me Una ragazzina come te……..

Sai che bevo, sai che fumo

Se tu cerchi un uomo bello non guardare me Perché non ho questa virtù Se lo cerchi ricco affascinante non son io Non ho brillato neanche un giorno in vita mia Ma non aprire mai le braccia a un tipo come me E tanto meno il cuore tuo Sai che ascolto solo i sensi e non i sentimenti Perciò, bambina, non bruciarti, adesso sai la verità Sai che bevo, sai che fumo Sai che gioco anche con l’amor Sai che sono un egoista, un incosciente Prepotente nella vita come nell’amor

I giorni dell’arcobaleno

Erano i giorni dell’arcobaleno, finito l’inverno tornava il sereno E tu con negli occhi la luna e le stelle sentivi una mano sfiorare la tua pelle E mentre impazzivi al profumo dei fiori, la notte si accese di mille colori Distesa sull’erba come una che sogna, giacesti bambina, ti alzasti già donna Tu adesso ti vedi grande di più Sei diventata più forte e sicura e iniziata la avventura Ormai sono bambine le amiche di prima Che si ritrovano in gruppo a giocare e sognano ancora su un raggio di luna…..

Il cuore e’ uno zingaro

Avevo una ferita in fondo al cuore, soffrivo, soffrivo Le dissi, “Non è niente”, ma mentivo, piangevo, piangevo Per te si è fatto tardi, è già notte Non mi tenere, lasciami giù Mi disse, “Non guardarmi negli occhi” E mi lasciò, cantando così Che colpa ne ho se il cuore è uno zingaro e va Catene non ha, il cuore è uno zingaro e va Finché troverà il prato più verde che c’è Raccoglierà le stelle su di se E si fermerà, chissà E si fermerà….

La prima cosa bella

Ho preso la chitarra E suono per te Il tempo di imparare Non l’ho e non so suonare Ma suono per te La senti questa voce Chi canta è il mio cuore Amore amore amore E’ quello che so dire Ma tu mi capirai I prati sono in fiore Profumi anche tu Ho voglia di morire Non posso piu’ cantare Non chiedo di piu’ La prima cosa bella Che ho avuto dalla vita E’ il tuo sorriso giovane, sei tu Tra gli alberi una stella La notte si è schiarita Il cuore innamorato sempre piu’…….

Paese

La piu’ bella cosa Che la vita ci puo’ dare E’ la gioventu’ ma piano piano se ne va Hai vent’anni ormai cosa aspetti ancora Hai la tua valigia E’ giunta l’ora di partire Come un grande amico Che di colpo ti abbandona Me ne sono andato Per non ritornare piu’ Forse son cambiato ho la mia vita ma Sapessi come mi ritorni in mente Insieme a lei Paese dove si nasce Sei come il primo amore Non ti si puo’ scordare Paese son stato ingrato Lei non mangiava Se non ero ritornato Paese lei non capiva Che in fondo in fondo Non si vive solo per amore No lei non lo sa Paese mio questa è la verita…..

Vagabondo

Quando la gente dorme scendo giù maglione sulle spalle nella notte blu nel cuore una chitarra nella mente cose strane e sul mio volto un po’ d’ingenuità vagabondo vagabondo qualche santo mi guiderà ho venduto le mie scarpe per un miglio di liberta da soli non si vive senza amore non morirò vagabondo sto sognando delirando…

Chitarra suona più piano

Chitarra suona più piano Qualcuno può sentire Soltanto lei deve capire Lei sola deve sapere Che sto parlando d’amore Cantano i grilli nel grano E un passero su un ramo Nessuno dorme questa sera Nemmeno lei che a quest’ora Stringe il cuscino e sospira La luna è ferma nel gelo La lucciola sul melo Chitarra mia suona più piano Anche se è incerta la mano Suona, chitarra, che è l’ora L’ora di dirle tutto il bene che ho nel cuore Di dirle addio per sempre, o perdonare E amarla come un altro non può fare L’ora di respirare un sorso d’aria pura Un prato è verde quando è primavera Il sole è caldo e poi scende la sera per noi La notte odora di fieno Io dormo sul suo seno Dio, come batte il suo cuore La gente sogna a quest’ora Dormi, chitarra, che è l’ora……..

Vi prego fate arrivare questo video a Nicola per un saluto prima di passare tutti a miglior vita.. si perché Nicola Di Bari e i baresi ce li ho nel sangue Io! ❤️

Nicola Di Bari uno dei cantanti italiani più noti all’estero, in particolare in America Latina quarto cantante ad aver vinto il Festival di Sanremo per due edizioni consecutive, nel 1971 e 1972 ha vinto anche Canzonissima nel 1971.

Medley dei successi di Nicola Di Bari cantanti comicamente a cappella da Grullo Grulli

Alla scoperta di Nicola Di Bari, il carpentiere diventato famoso grazie ai colleghi e grazie a Gianni Morandi.

Nato il 29 settembre del 1940 sotto il segno della Bilancia, Michele Scommegna, meglio noto come Nicola Di Bari, è uno dei personaggi illustri della scena musicale italiana. Indimenticabili alcuni suoi grandi capolavori come Il cuore è uno zingaro, che ha fatto cantare migliaia di persone e decine di generazioni.

Nato nella Puglia rurale, Michele alias Nicola Di Bari decide di trasferirsi a Milano per intraprendere la carriera di musicista. Parte per diventare cantante e si ritrova a fare il carpentiere e il muratore. Sembra che andasse a lavoro sempre con la sua chitarra e che siano stati proprio i colleghi a spingerlo a lasciare la cazzuola per lanciarsi nel mondo della musica. Il nome d’arte è dovuto alla sua devozione per il santo patrono di Bari, Nicola appunto, e con il suo pseudonimo inizia a esibirsi per i locali della Milano che conta.

Il cuore è uno zingaro

Siamo sicuramente di fronte alla canzone che ha consacrato Nicola. Un testo di rara bellezza e un accompagnamento musicale pregevole…..

Vagabondo

Con Vagabondo ascoltiamo un brano sicuramente innovativo per il cantautorato italiano, con un accompagnamento di chitarra importante che dà risalto alla musica.

La prima cosa bella

La prima cosa bella è il biglietto da visita di Nicola Di Bari, la prima canzone di successo, forse una delle più genuine.

Scopri Nicola di Bari su….

https://notiziemusica.it/nicola-di-bari-la-vita-privata-canzoni-e-carriera/curiosita/

https://it.wikipedia.org/wiki/Nicola_Di_Bari_(cantante)

Sito Ufficiale di Nicola di Bari https://www.nicoladibari.it/

sito ufficiale di Nicola di Bari

Alcuni Video di Nicola Di Bari (altri video nella playlist sotto)

Nicola Di Bari Le mie più belle canzoni italiane Il meglio Best of Los grandes éxitos Nicola Di Bari
Paese – Nicola Di Bari
Il cuore è uno zingaro in spagnolo El corazon es un gitano NICOLA DI BARI 
Nicola di Bari (Italia) – La Prima Cosa Bella (Sanremo 1970)
Nicola Di barii Il cuore è uno zingaro El corazon es un gitano
VAGABONDO Nicola di Bari
ESC 1972 12 – Italy – Nicola di Bari – I Giorni Dell’Arcobaleno
Nicola Di Bari e sua moglie Agnese una lunga storia d’amore – C’è Tempo per… 18/08/2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *