Vai al contenuto

Il Grullo vede la Madonna di Fatima a Firenze romanzo di fantasia

Grullo Grulli e la sua Visione della Madonna di Fatima nella città di Firenze del XV secolo… Quando fantasia e riflessioni migliorano la propria vita e quella degli altri..

Homeless senza tetto dolcissimo da aiutare compassione empatia altruismo

Capitolo 1: Il Girovago Ignorato

Nella Firenze del XV secolo, tra le sue antiche mura e i suoi brulicanti mercati, viveva un uomo di nome Grullo.

Florence today panorama di Firenze

Era un girovago semplice, un emarginato considerato sciocco dalla maggior parte della gente.

Il Grullo vagava per le strade con il suo saio logoro e il suo bastone di legno, mormorando parole incomprensibili e fissando il cielo con sguardo vacuo.

Il Grullo era un enigma per tutti.

La sua follia era oggetto di scherno e derisione, ma alcuni sussurravano che celasse una profonda saggezza in quella sua mente apparentemente offuscata.

Si diceva che Grullo Grulli fosse in grado di prevedere il futuro e di comunicare con gli angeli.

Un giorno, mentre Grullo vagava per la Piazza della Signoria, fu attratto da un insolito bagliore che proveniva dalla Cattedrale di Santa Maria del Fiore. Incuriosito, si avvicinò e si fermò davanti all’imponente facciata di marmo.

Capitolo 2: L’Apparizione Celeste

La Madonna di Fatima a Firenze romanzo di fantasia by Grullo Grulli

Mentre fissava la cupola della cattedrale, un’ondata di luce accecante lo avvolse. Chiuse gli occhi per proteggerli, e quando li riaprì, vide una figura splendida librarsi nell’aria sopra di lui.

Era una donna bellissima, vestita di bianco e azzurro, con una corona di stelle sul capo.

Grullo era sbalordito. Riconobbe subito la figura della Madonna, la madre di Gesù.

La Madonna lo fissò con i suoi occhi pieni di compassione e gli parlò con una voce dolce e melodiosa.

Capitolo 3: Il Messaggio della Madonna

La Madonna disse al Grullo che era stato scelto per un compito importante.

Il Grullo doveva diffondere un messaggio di pace e amore tra la gente di Firenze, una città dilaniata dalle guerre e dalle discordie.

Il Grullo, nonostante la sua semplicità, comprese la gravità del compito che gli era stato affidato.

Il Grullo promise alla Madonna che avrebbe fatto del suo meglio per portare il suo messaggio al popolo fiorentino.

Capitolo 4: La Predicazione di Grullo

Il giorno dopo, Grullo Grulli iniziò a predicare in rima di ottavine per le strade di Firenze.

Raccontava la sua visione della Madonna e il messaggio di pace che lei gli aveva affidato.

La gente di Firenze, dapprima incredula e derisoria, iniziò ad ascoltarlo con attenzione.

Le parole di Grullo Grulli, pur semplici e rozze, erano piene di sincerità e di passione. Toccavano i cuori delle persone e le spingevano a riflettere sulla loro vita e sulle loro azioni.

Capitolo 5: Il Miracolo della Conversione

Piano piano, il messaggio di pace di Grullo Grulli iniziò a diffondere i suoi effetti. Le persone che lo ascoltavano si convertivano alla sua causa, abbandonando le loro vecchie abitudini di violenza e odio.

Firenze si trasformò….

Le guerre interne cessarono, le discordie si placarono e l’amore e la fratellanza regnarono sulla città.

Grullo Grulli, da emarginato e stolto, era diventato un eroe, un simbolo di speranza e di redenzione.

Epilogo del romanzo by Grullo Grulli

Grullo Grulli visse ancora per molti anni, continuando a diffondere il messaggio di pace e amore della Madonna.

Alla sua morte, fu venerato come un santo e la sua storia divenne una leggenda che ispirò generazioni di fiorentini.

Ancora oggi, la figura del Grullo e la sua visione della Madonna sono ricordate con devozione a Firenze.

Questa sua storia ci insegna che la vera saggezza non sempre si trova nei libri o nelle parole dei dotti, ma può essere rivelata anche ai più semplici e umili di cuore.

Grullo Grulli 13 maggio 2014 si festeggia la Beata Maria Vergine e Madonna di Fatima

La Madonna di Fatima a Firenze Romanzo di fantasia by Grullo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *